Torino esoterica

Torino Liberty: il caso delle “Ville Maledette”

Chi conosce un po’ il capoluogo piemontese, avrà già sentito parlare della Torino Liberty, quel pezzo di storia che ritroviamo in architetture sparse per la città. Le arti decorative qui danno il meglio di sé, lasciando in eredità un patrimonio unico, che ancora oggi, attrae curiosi e turisti.

La Torino Liberty, però, porta con sé anche qualcosa di oscuro. La città, d’altronde è anche famosa per la sua magia, e infatti, proprio all’ombra della mole troviamo le tre Ville Maledette.

Sulle orme della Torino Liberty

La Torino Liberty nasce nel 1902, con l’arrivo in città dell’Esposizione Internazionale di Arte Decorativa Moderna. Una cerchia stretta di architetti diede il via alla costruzione di residenze in questo stile destinate alla borghesia presente in città. La stagione del Liberty, a Torino, è ampiamente influenzata dall’Art Nouveau internazionale.

Torino Liberty
Dettagli vetrate Villa Scott

Le prime due residenze realizzate con questo stile furono le ville di Fleur e Scott di Pietro Fenoglio. Troviamo, poi, edifici realizzati in stile Liberty, anche in zona San Paolo, Crocetta, Barriera di Francia e nell’area pre-collinare della città. I protagonisti della fioritura della Torino Liberty sono: Giovanni Battista Benazzo, Enrico Bonelli, Enrico Bonicelli, Eugenio Mollino e Giovanni Gripodo.

Il caso delle tre Ville Maledette

La Torino Liberty è famosa non solo per le sue eleganti e decorate architetture, ma anche per il suo lato più esoterico. Nella città famosa per essere incrocio tra magia bianca e magia nera, nasce la leggenda delle tre Ville Maledette. Tutte e tre sono accomunate dallo stesso stile architettonico e tutte e tre nascondono una vicenda oscura.

La Villa del Bambino urlante

La prima abitazione incriminata è Villa Scott, anche detta “Villa del Bambino Urlante”. Fu il primo edificio in stile Liberty ad essere costruito in città e si trova in corso Giovanni Lanza 57. Utilizzata anche come set cinematografico per il film “Profondo Rosso” di Dario Argento, da cui ha preso poi il suo bizzarro soprannome.

Villa Scott
Corso Giovanni Lanza 57

Dopo che Alfonso Scott, proprietario della Villa, morì, la proprietà passo in mano alle suore del collegio femminile. La pianta della casa è molto complessa, ricca di dettagli architettonici e di decorazioni floreali. Lo stile richiama sia il Liberty che il barocco. Durante le riprese del capolavoro cinematografico di Dario Argento, venne pagato alle suore e alle loro ospiti, un soggiorno a Rimini, per poter utilizzare la casa per girare.

Palazzo della Vittoria

La seconda villa Maledetta della Torino Liberty è, invece, Palazzo della Vittoria, situato in corso Francia 23, non lontano dal centro storico. Stile liberty e stile medievale che si incontrano, creando un equilibrio architettonico perfetto. Bellissimi i due draghi rampanti posizionati ai lati dell’entrata. Il suo aspetto un po’ sinistro aveva “spaventato” i torinesi già nell’anno della sua creazione: il 1920.

Torino Liberty
Corso Francia 23

Ciò che gli costo il nome di Villa Maledetta furono due episodi consumatisi all’interno dell’edificio. Il primo riguarda la storia dell’architetto che lo progettò, Giovanni Battista Carrera, che non riuscì a ultimarlo a causa della sua improvvisa e misteriosa morte. Il secondo, riguarda il committente, che pochi mesi dopo si suicidò. Strano vero?

casa della Vittoria

Anche Palazzo della Vittoria è stato scelto come set cinematografico horror. Qui hanno girato “La maschera etrusca” di Ted Nicolau, pellicola del 2007.

La Villa di corso re Umberto

Infine, abbiamo la Villa di corso Re Umberto, conosciuta per una tragedia che ha sconvolto il mondo intero. L’11 aprile 1987, in questo edificio moriva Primo Levi. Pare si sia suicidato lanciandosi dalla tromba delle scale, a soli 68 anni.

Abitazione Primo Levi
Corso Re Umberto 75

Furono fatte diverse ipotesi sull’accaduto, dalla più consolidata riguardante il suicidio, dovuta ad una depressione post traumatica da campi di concentramento, a quella di un incidente da malore. Il cardiologo David Mendel disse che, secondo lui, la caduta fu causata da un malore derivante dall’assunzione di psicofarmaci, legati sempre alla depressione.

La Torino Liberty ha anche questo lato nascosto, alimentato negli anni da credenze, storie horror e pensieri esoterici. Tutto contribuisce a creare ancora più fascino e mistero intorno ad una città che ha davvero tanto da offrire.

Valentina Scaiola, classe 1992, laureata in Scienze della Comunicazione. Ho frequentato, nel 2020, un master in Marketing e Comunicazione allo IED di Torino. Lavoro come Web Editor e Digital Strategist.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow me