Murales a New York
Viaggi

Murales a New York: Bushwick, underground Brooklyn

Forse, prima di partire per la Grande Mela, hai sentito parlare dei Murales a New York. Città che ne ospita effettivamente tantissimi e dove la street art è molto sviluppata. C’è però una zona, meno conosciuta a livello turistico, che è stata riqualificata proprio grazie ai murales. Scopriamola insieme.

murales a new york

Bushwick, il lato underground di Brooklyn

Bushwick è la più famosa zona dei murales a New York. Si trova precisamente a Brooklyn ed è un quartiere operaio che è stato ampiamente riqualificato negli ultimi anni. Questa zona, il più delle volte, non si trova nei classici itinerari turistici ma è una chicca che, secondo me, merita di essere visitata.

Si raggiunge facilmente con la linea L della metropolitana e scendendo poi per Jefferson Street. L’esposizione artistica permanente a cielo aperto, che si trova tra le strade di questo quartiere è chiamata “The Bushwick Collective“. La zona è in continuo mutamento, così come lo sono le sue opere murarie. Tutto ciò lo si deve a Joe Ficalora che, agli inizi degli anni ’90, ha aperto la galleria d’arte che quotidianamente ospita artisti da tutto il mondo. I murales presenti sono davvero tantissimi, impossibile scorgerli tutti in un’unica visita.

Murales di New York

Le strade di Bushwick sono anche piene di famose gallerie d’Arte. Se sei un appassionato probabilmente non vedrai l’ora di entrare da Soho 20 Gallery, BogArt, o da Slag Gallery. Ti consiglio di fare un salto anche alla Bushwick Community Darkroom, il tempio della fotografia analogica. Se vuoi saperne di più e scoprire questa bellissima zona con l’aiuto di una guida, puoi scegliere il Free Walking Tour di Bushwick.

Leggi anche: “Viaggio negli Stati Uniti: cosa sapere prima di partire”

Cosa non perdere a Bushwick

Ci sono dei punti che credo bisogna inserire assolutamente nel tour di Bushwick, se decidi di fare tutto da te:

  • Grattan Street: una delle vie principali, disseminata di grandi murales e cartelloni pubblicitari dipinti a vivo sui muri. I grandi brand infatti, non si sono fatti scappare l’occasione di sfruttare il quartiere per sponsorizzare i propri prodotti, ovviamente seguendo le tecniche artistiche del posto: la street art.
  • Morgan Avenue e Borgart Street: due strade ricche di murales, bar e locali in perfetto stile hipster.
  • Seigel Street e White Street: tutta l’evoluzione dell’arte del graffito da “bubble letters” in poi.
  • Il quadrilatero del Bushwick Collective: una vera mostra di street art a cielo aperto. Si snoda tra le strade: Flushing Ave, Troutman St, Cypress Ave e Arving Ave.
Who is cost
Who is Cost –> @cost

Ti consiglio, se vuoi concludere in bellezza di fare un salto da Roberta’s Pizza, punto di ritrovo per molti artisti dove la pizza non è neanche male.

Valentina Scaiola, classe 1992, laureata in Scienze della Comunicazione. Ho frequentato, nel 2020, un master in Marketing e Comunicazione allo IED di Torino. Lavoro come Web Editor e Digital Strategist.

7 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *